VIAREGGIO CUP- Nel segno dei “Maldini”: nel 1950 l’esordio di nonno Cesare

0
252
Viareggio Cup

Viareggio Cup- Ci proverà il giovane Daniel a conquistare questa manifestazione, che manca nella bacheca della famiglia Maldini.

Da Cesare a Daniel, passando per Paolo e Christian: la dinasty dei Maldini, nel segno della Viareggio Cup-Coppa Carnevale, comincia negli anni ’50 per arrivare fino ad oggi. Un intreccio di storie che… fanno bene al calcio perché proiettano sullo schermo i volti sereni di persone che amano il pallone e lo rendono ‘umano’ e godibile a tutti. Storie che sbocciano alla Viareggio Cup, quel grande scrigno che Cesare Maldini, il nonno di Daniel, ha aperto nel 1950 quando debuttò alla manifestazione viareggina con la maglia della Triestina. Non fu un debutto esaltante ma quel difensore brillante entrò nel mirino del Milan, squadra della quale sarebbe diventato una bandiera.
Venti anni dopo, Cesare Maldini è ancora alla ‘vecchia’ Coppa Carnevale, stavolta in veste di allenatore. E per due volte Cesare Maldini porta i baby rossoneri ad un passo dal trionfo: il Milan arriva secondo sia nel 1970 perdendo la finale contro il Dukla Praga che nel 1971 (sconfitta questa più ‘dolorosa’ perché arriva proprio nel derby con l’Inter). Il testimone arriva a Paolo Maldini, quattordici anni dopo quando il Milan – allenato da Fabio Capello – prende parte all’edizione del 1985 del Torneo di Viareggio: i rossoneri superano il primo turno ma Paolo (che aveva già debuttato in Serie A due settimane prima, lanciato dal ‘Barone’ Niels Liedholm contro l’Udinese) deve arrendersi subito, vittima di un infortunio nella partita disputata allo stadio dei Pini contro lo Spartak Mosca.

Il resto della dinasty rossonera in casa Maldini è più recente: prima con Christian Maldini (il più grande dei figli di Paolo) che prende parte alla Viareggio Cup nel 2015 e nel 2016, e poi adesso con Daniel Maldini  che nella partita disputata ieri (giovedì 14 marzo) contro lo Spezia lascia il segno con una doppietta decisiva nella vittoria 3-2. La soddisfazione per i due gol che aprono le porte alla qualificazione del Milan agli ottavi di finale viene completata in serata dalla prima convocazione con la Nazionale Under 18. Insomma, con Maldini basta la parola.
Fonte: viareggiocup.com
(Visited 1 times, 1 visits today)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui