PRIMAVERA 1- Napoli “shock”: contro il Verona va in vantaggio di tre gol ma…

0
443

Napoli-Hellas Verona- Nel prossimo turno i partenopei affronteranno in trasferta la Roma, mentre gli scaligeni ospiteranno la Juventus.

Oggi pomeriggio al centro sportivo di Sant’Antimo (NA) con fischio d’inizio alle ore 13 si è giocata la gara tra il Napoli e l’Hellas Verona valida per la 26° giornata del campionato Primavera 1 (clicca qui per presentazione del match).

Beoni recupera Leandrinho in avanti e decide di dare spazio dal primo minuto a Palmieri arretrando il brasiliano tra le tre mezze punte con Gaetano Zerbin, dall’altro lato mister Porta non può contare su Danzi, ormai in prima squadra.

Nel primo tempo la partita regala poche emozioni con il Napoli che prova soprattutto a verticalizzare per mettere in difficoltà la retroguardia ospite, la prima occasione è per gli azzurrini con Gaetano che conclude di poco a lato. Il Verona però ha la grande occasione al quarto d’ora quando, dopo un disimpegno errato di Marie-Sainte, è il nigeriano Amayah a farsi ipnotizzare da un bravissimo Schaeper, sul proseguimento dell’azione si salvano gli azzurrini. I partenopei hanno il pallino del gioco mentre gli scaligeni si rendono pericolosi soprattutto nelle ripartenze, ma a meno di cinque minuti dal termine il Napoli passa in vantaggio grazie a una perfetta verticalizzazione di Leandrinho per Zerbin che supera Borghetto in uscita e deposita in rete.

Nella ripresa gli azzurrini, sulle ali dell’entusiasmo, giocano molto più sciolti e riescono anche nelle giocate più complesse a dimostrazione di aver superato il momento complicato. E in due minuti, a cavallo del decimo, il Napoli sembra chiudere definitivamente i giochi, trovando prima il 2-0 con Palmieri che, da vero bomber, si precipita su una respinta del portiere Borghetto e deposita in rete e poi il 3-0 ancora con Zerbin che, stavolta servito da Palmieri, si regala la doppietta personale. Il Verona ne esce con le ossa rotte dall’uragano azzurro che si è abbattuto a cavallo tra la fine primo tempo e l’inizio della ripresa e fa fatica a ripartire. A pochi minuti dal termine però i ragazzi di Antonio Porta trovano la rete con Aloisi entrato in campo da meno di cinque minuti che non lascia scampo a Schaeper. E’ la scintilla che scuote il Verona che, palla al centro, rientra totalmente in partita  segnando il 3-2 con lo slovacco classe 98 Stefanec ancora servito da Aloisi. Il finale è un batticuore col Napoli che cerca di tenere la palla lontana dalla propria area di rigore ma in pieno recupero arriva il clamoroso 3-3 con Buxton che supera Scarf e batte ancora una volta il portierino azzurro.

Incredibile pareggio a Sant’Antimo oggi, col Napoli che si è fatto rimontare il vantaggio di tre reti a meno di dieci minuti dal termine e questo risultato potrebbe pesare tantissimo in negativo nella lotta per non retrocedere. Bravo, anzi bravissimo il Verona a riprendersi dopo una sbandata nella fase centrale del match e, mattoncino su mattoncino, recuperare tutto lo svantaggio.

NAPOLI: Schaeper, Zanoli, Scarf, Basit, Marie-Sainte, Senese, Palmieri, Otranto, Leandrinho, Gaetano, Zerbin. A disp.: D’Andrea, Bartiromo, Pizza, Calvano, Vecchione, Coglitore, Marino, Energe, Sgarbi, Mezzoni, Serrano, D’Alessandro. All.: Beoni

VERONA: Borghetto, Nigretti, Galazzini, Baniya, Cherubin, Felippe, Stefanec, Saveljevs, Dentale, Tupta, Amayah. A disp.: Bianchi, Righetti, Peretti, Kumbulla, Toccafondi, Lisi, Aloisi, Fiumicetti, Buxton. All.: Porta. 

Marco Lepore

 

(Visited 196 times, 1 visits today)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui