NAPOLI-ATALANTA (PRIMAVERA)- Gli azzurrini vanno sul 3-0, ma succede qualcosa di incredibile

0
313
Napoli - Torino - Primavera 1

Napoli-Atalanta- Nel prossimo turno del campionato Primavera 1 si giocheranno i due match Atalanta-Torino e Sassuolo-Napoli.

Grandi contro coloro che stanno studiando per diventarlo..

Questa sarebbe potuta essere la presentazione del match Napoli-Atalanta, giocato oggi allo stadio “Ianniello” di Frattamaggiore, perché se i bergamaschi sono ormai una realtà consolidata da anni per gli azzurrini erano tanti anni che non si respirava profumo di play off.

E per sessanta minuti il Napoli, complice un’ Atalanta priva di diversi titolari, ha letteralmente dominato col solito Gianluca Gaetano (clicca qui per approfondimento), sugli scudi, autore di una una tripletta oltre ad aver colpito una traversa.

Dopo meno di due minuti il numero 10 partenopeo sorprende il portiere Ndiaye, oggi schierato titolare al posto del nazionale Carnesecchi, direttamente da calcio d’angolo. 

Ancora Gaetano prima confeziona l’assist per Lovisa e poi colpisce il legno prima di realizzare la rete del 2-0 con un tiro-cross sul quale l’estremo difensore ospite la combina grossa.

Nella ripresa al 5′ il talentino partenopeo servito in area supera due avversari e con freddezza fa tris, la seconda stagionale dopo quella in Youth League contro la Stella Rossa.

Sotto di tre gol e con mister Brambilla espulso a fine primo tempo i bergamaschi inseriscono l’artiglieria pesante: dentro Traore’ e Piccoli per provare a riaprire il match.

Al 54′ da punizione da sinistra tagliata è il centrale Okoli, calciatore dalla struttura fisica e dalle movenze che ricordano Koulibaly, ad anticipare tutti di testa e siglare la rete del 3-1. I bergamaschi ci credono e al 69′ arriva il secondo colpo di testa vincente di giornata con Del Prato che da due passi batte Idasiak.

Palla al centro e quello che succede è incredibile: palla arretrata per Senesi che viene attaccato da Piccoli, il centravanti ruba la sfera e arriva solo davanti al portiere trafiggendolo e ristabilendo la parità sul 3-3.

E’ una furia Baronio sulla panchina e poco dopo sarà mandato anche lui anzitempo negli spogliatoi dall’arbitro, chi invece non intende fermarsi è l’Atalanta che a un quarto d’ora dal termine sigla la rete del clamoroso sorpasso. E’ Traore’ a infilarsi verticalmente tra le maglie larghissime della retroguardia avversaria e a trovarsi a tu per tu col portiere polacco senza sbagliare.

A due minuti dal termine il Napoli coglie il secondo legno di giornata con Manzi di testa col portiere bergamasco ancora una volta sorpreso, così come al 94‘ quando si lascia sfuggire il pallone senza che Sgarbi riesca ad approfittarne.

Match incredibile quello a cui abbiamo assistito oggi, con l’Atalanta che ha potuto sfruttare una panchina profondissima oltre alla solita forza di testa per ribaltare il match. Agli azzurrini invece è mancata proprio la mentalità e l’abitudine a lottare in questi match, non sono casuali tre sconfitte casalinghe contro Roma, Torino e Atalanta.

Marco Lepore

(Visited 1 times, 1 visits today)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui