GIOVANI TALENTI- Destiny Udogie, la freccia dell’Hellas Verona

0
565

Giovanili: Tra i vari giovani talenti che ieri si sono messi in mostra contro la Francia nella Semifinale del Camp. Under 17 c’e’ anche Udogie.

L’Italia del calcio può sognare un domani luminoso, grazie alla cavalcata che sta vedendo protagonista la Nazionale Under 17 nell’Europeo di categoria. Una spedizione già da applausi con il raggiungimento delle semifinali che sono valse il pass per il Mondiale in Brasile del prossimo ottobre, ma che rischia di diventare addirittura trionfale dopo il risultato maturato nella serata di ieri.

Il 2-1 in rimonta rifilato alla Francia ha infatti lanciato gli azzurrini verso la finale del torneo continentale: bissato il traguardo dello scorso anno, con un clamoroso dejà-vu che vedrà l’Italia opposta all’Olanda, capace di batterci soltanto ai calci di rigore nella passata edizione.

E se di Salvatore Esposito (autore del gol del momentaneo pareggio) vi abbiamo già raccontato qualche giorno fa, oggi è il turno di un altro dei grandi protagonisti della cavalcata azzurra, che ieri ha messo il timbro decisivo per volare alla finalissima.

Terzino goleador – Iyenoma Destiny Udogie è il ragazzo del destino, colui che ha piantato la banderilla finale per matare la Francia e lanciare l’Italia in finale per il secondo anno consecutivo. Nato a Verona da genitori nigeriani, il terzino sinistro classe 2002 è un altro splendido spot per l’integrazione lanciato dalle nazionali giovanili azzurre.

Una famiglia presente e che lo sostiene incoraggiandolo a dare il massimo per inseguire il suo sogno di diventare calciatore. Il papà non si perde una partita, e da quando nel 2011 Destiny è approdato nel vivaio del Verona è una presenza fissa sugli spalti, sia in casa che in trasferta.

Contro la Francia, Udogie si è fatto trovare al posto giusto al momento giusto, per decidere le sorti della semifinale: conclusione di prima, senza pensarci due volte, capitalizzando al meglio l’assist al bacio di Samuel Giovane (di nome e di fatto, visto che è l’unico classe 2003 della spedizione azzurra) per segnare la rete della vittoria. Esultare, per lui, non è una rarità: sono ben sei i centri stagionali nelle 22 gare di campionato con l’Under 17 scaligera, ma il primo messo a segno in azzurro ha un sapore davvero speciale.

fonte: tmw

(Visited 1 times, 1 visits today)

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome