GIOVANI TALENTI- Andrea Quaglietta: il bomber napoletano che fa sognare il Racing Fondi

0
1900
quaglietta

Andrea Quaglietta è nato a Napoli il 25 aprile 2002 e, dopo un trascorso nel club partenopeo, ha trovato la sua dimensione nel Racing Fondi.

Se da piccolissimo cresci vedendo tuo fratello calpestare i campi di calcio, acclamato dal pubblico come un vero idolo, e se quel tuo fratello a un certo punto diventa un giocatore di calcio a cinque arrivando anche a essere convocato in nazionale, non può che essere un segnale del destino. Vuol dire che le riserve su quale sarà la passione, o magari la professione da esercitare non appena avrai la possibilità di reggerti da solo sulle tue gambe, sempre col consenso di madre natura, sono state immediatamente sciolte.

La storia che vogliamo raccontarvi oggi è quella di Andrea Quaglietta, attaccante classe 2002 che ha iniziato a dare i primi calci a un pallone nella scuola calcio del suo quartiere ovvero la A.S.C. Materdei nella stagione 2008/09. Dopo un anno avviene il suo trasferimento prima alla Dinamo Napoli e successivamente la sua consacrazione all’interno della Damiano Promotion del presidente Carmine Tascone, dove resterà due stagioni.

Ad interessarsi a Quaglietta è il Napoli che decide di tesserare il ragazzo nell’estate del 2013, un amore col club partenopeo che è durato tre stagioni e mezzo, caratterizzate da tante gioie e una piccola delusione finale. Nel primo anno con gli Esordienti di mister Armando Nocerino si toglie lo sfizio nella finale del “Memorial Giuseppe Augello”, di subentrare dalla panchina, procurarsi e trasformare il rigore del momentaneo 1-0 contro la Juventus, anche se i bianconeri alla fine trionferanno col punteggio di 2-1.

Anche nei due anni successivi il giovane talento “strega” l’attuale allenatore dell’ Under 15 partenopea Gennaro Sorano che lo schiera spesso come trequartista e all’occorrenza come esterno alto a sinistra.

Andrea Quaglietta è un calciatore di un metro e settantasette centimetri per settanta chili, dotato di una buona struttura fisica per la sua età. Destro naturale, ma in grado di calciare bene anche col sinistro, in questi anni ha ricoperto un pò tutti i ruoli d’attacco dimostrandosi sempre all’altezza della situazione. 

Il 2016 doveva e poteva essere l’anno giusto per il debutto in una categoria importante come quella Under 15 con la maglia della sua città, ma Quaglietta trova pochissimo spazio con mister Giovanni Chiaiese, così il ragazzo chiede a malincuore a dicembre lo svincolo al club azzurro.

Gli ultimi sei mesi Quaglietta si accasa alla Real Casarea, scuola calcio partenopea di Luigi Maione Antonio Tanucci tra le più importanti e vincenti dell’intero panorama nazionale. Con mister Marco Piliego, attualmente alla guida dell’ Under 15 del Bisceglie, si crea un bel feeling e così tanti osservatori di club professionistici visionano le sue prestazioni tra i Giovanissimi Regionali.

Durante questo periodo Quaglietta viene invitato da alcuni club per sostenere un provino, in particolare piace molto a Paganese e Salernitana che vorrebbero tesserarlo per rinforzare la propria cantera. Ma il vero colpo di fulmine sboccia tra il ragazzo e il Racing Fondi che convoca più volte Quaglietta tra aprile e maggio in sede e, dopo averlo visionato da vicino, decide immediatamente di tesserarlo. La scelta, ben ripagata poi da Quaglietta a suon di gol, è stata effettuata dal Responsabile all’epoca del settore giovanile del Fondi Andrea Conti, figlio di Bruno.

E Quaglietta, nonostante gli iniziali problemi di nulla osta che lo hanno costretto a saltare le prime due giornate, ha iniziato sotto la guida del suo allenatore dell’ Under 16 Marco Chirico a contribuire in maniera decisiva alla grande stagione del Racing. L’esordio alla terza giornata in casa contro l’Arezzo con una doppietta decisiva fanno capire subito Quaglietta di che pasta è fatta. Dopo le prime partite da esterno sinistro offensivo, mister Chirico decide di schierarlo come punta centrale, sfruttando a pieno le sue doti fisiche. Arezzo e Casertana sono le sue”vittime” predilette, ma in generale Quaglietta inizia a diventare un punto di riferimento per i compagni e finora è arrivato già a toccare le 10 reti, che gli valgono per ora il titolo di capocannoniere del girone B.

E’ una stagione da incorniciare per Quaglietta che, tutto sommato nonostante il rammarico di non essere stato valorizzato dal club della sua città, sta prendendosi le luci della ribalta col Racing Fondi. E come dice Ligabue il meglio deve ancora venire…

Marco Lepore

(Visited 605 times, 1 visits today)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui