ESCLUSIVA- M. Aiello (Resp. Giovanili Paganese):”Monitoriamo 21 giocatori in prestito, la Berretti in linea con i programmi”

0
1065
aiello

Paganese- La Redazione di GiovaniliNazionali.it ha intervistato in esclusiva Mario Aiello, attuale Dirigente delle Giovanili azzurrostellate.

Mario Aiello è attualmente il Responsabile dell’Area Tecnica della cantera azzurrostellata. Negli ultimi tre anni, grazie al suo lavoro e a quello del Presidente del Settore Giovanile Giuseppe Caiazzo, è avvenuta una crescita costante ed importante all’interno delle giovanili.

Tra le maggiori soddisfazioni ottenute evidenziamo le due qualificazioni ai play off della Berretti, la semifinale scudetto disputata a giugno 2017 dall’Under 15 e persa contro la Cremonese, i Quarti di Finale scudetto giocati nella passata stagione dall’Under 17 e, infine, le convocazioni in Nazionale di categoria di molti ragazzi, alcuni dei quali oggi militano in squadre di A e B.

Di seguito l’intervista a Mario Aiello che ha risposto in esclusiva ad alcune domande della nostra Redazione.

Nel Girone D del campionato Berretti la Paganese è a soli 3 punti dalla capolista Ternana che ne ha 20. Come valuti il percorso effettuato finora dalla squadra allenata da mister Scarlato?

Quest’anno in accordo con la società abbiamo preferito disputare il campionato Berretti con molti ragazzi classe 2001 e anche con qualche sotto età del 2002 mandando in serie D ed Eccellenza altri giovani di nostra proprietà del 2000 e del ’99 per farli crescere sotto tutti gli aspetti. A mio avviso il percorso maturato finora dalla Berretti è molto positivo e all’interno della rosa sono presenti ragazzi di qualità, ma parecchi hanno poca esperienza e ciò si acquista certamente solo col tempo.

Dove può arrivare questa Berretti?

Ad inizio anno se avessimo scelto di vincere per forza il girone, accedere alle finali e conquistare eventualmente a giugno 2019 anche il tricolore, allora avremmo inserito in rosa tanti ragazzi del 2000, ma un settore giovanile deve ambire a far crescere i propri giovani con l’obiettivo di inserirne successivamente qualcuno in prima squadra. Siamo terzi in classifica e siamo in linea comunque con gli obiettivi iniziali.

La Berretti ha segnato 25 reti in 9 gare, ma ne ha subite anche 15. La società sta decidendo di modificare o rafforzare la difesa?

Io penso che quando si subisce gol la colpa non è da attribuire solo ad un reparto, ma va divisa con tutta la squadra. Siamo una squadra che predilige la manovra offensiva portando al gol tanti calciatori e quindi si rischia in difesa qualcosa in più del dovuto. Molti gol sono arrivati anche in una sola gara, ad esempio nello spettacolare pareggio ottenuto per 4-4 in casa della capolista Ternana o nella sconfitta subita in casa per 2-4 contro la Cavese. A nostro avviso questa è la filosofia giusta per disputare il campionato e far maturare i nostri ragazzi mettendoli in condizione di esprimere la loro tecnica, fantasia, estro senza stressarli tatticamente.”

Nella scorsa sessione di mercato avete ceduto molti giovani di vostra proprietà in prestito a club di Serie D ed Eccellenza. A che punto è il loro percorso di crescita?

Nella scorsa estate abbiamo ceduto in prestito ben 21 giocatori classe ’99, 2000 e anche alcuni 2003 alla Salernitana Under 16. Credo che tutte queste operazioni in uscita abbiano rappresentato un piccolo record e di ciò ne siamo fieri, ma devo ringraziare anche il Presidente del Settore Giovanile Giuseppe Caiazzo che da anni effettua molti sforzi economici e non per questa società.

Tra i 21 ragazzi che abbiamo ceduto in prestito Cardone gioca con la Nocerina e sta dimostrando di possedere ottime qualità, un vero giocatore di prospettiva. Bonavolontà e Pellccia si stanno mettendo in evidenza in una piazza difficile e prestigiosa come Taranto. Il portiere Scarano sta miltando nell’Altamura, il difensore centrale Riccio nel club Jesina, Marigliano al Rotonda. Anche Orefice con l’Aversa in Eccellenza ha segnato già 7 reti.

Stiamo monitorando tutti i nostri giovani in prestito cercando di individuare nei prossimi mesi quelli che faranno parte della famiglia Paganese in prima squadra nella prossima stagione. Infine l’attaccante Buonocore (’99), il portiere Cappa (2000) e il centrocampista Verdicchio (’99) fanno parte da settembre della prima squadra e stanno maturando esperienze in Lega Pro.”

Intervista a cura di Piero Vetrone

(Visited 1 times, 1 visits today)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui